venerdì 31 ottobre 2014

#UnLibroèUnLibro: l'opportuna campagna contro le discriminazioni fiscali sugli e-book

Oggi ho saputo tramite i social network della campagna #UnLibroèUnLibro che ritengo più che opportuna e mi tocca direttamente nella mia attività parallela di autore di libri (che appunto escono sia in formato cartaceo sia in formato digitale).
Ho dato anch'io il mio umile contributo mostrando il mio pollice verso e diffondendo le foto sui miei canali social, come suggerito dagli ideatori della campagna (vedi foto qui sotto).
Per chi non conoscesse il pregresso, la questione è molto semplice: secondo il fisco italiano un libro cartaceo merita un trattamento fiscale molto agevolato (IVA al 4% versata alla fonte dall'editore), mentre gli ebook rimangono vincolati ad un regime ordinario (22%), creando un'assurda disparità di trattamento.
Se anche voi volete sostenere questa campagna, fatevi una foto con il pollice verso e diffondetela sui social media con l'hashtag #unlibroèunlibro. Tutte le informazioni e la gallery dei partecipanti (anche illustri) le trovate sul sito www.unlibroeunlibro.org.



giovedì 30 ottobre 2014

La storica sentenza della Cassazione sul rimborso di Windows

Sentenza Cassazione Civile (Sez. 3), num. 19161, pubblicata il 11/09/2014

SENTENZA
sul ricorso 6975-2011 proposto da:
HEWLETT-PACKARD ITALIANA SRL 00734930159, in persona del procuratore speciale Avv. GIOVANNA LIGAS, elettivamente domiciliata in ROMA, P.ZA DI SPAGNA 15, presso lo studio dell'avvocato CARLO FERDINANDO EMANUELE, che la rappresenta e difende giusta procura a margine del ricorso;
- ricorrente -
contro
P.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA SIRIA 20, presso lo studio dell'avvocato CLAUDIO CERZA, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato MARCO CIURCINA giusta procura in calce al controricorso;
- controricorrente -

avverso la sentenza n. 2526/2010 del TRIBUNALE di FIRENZE, depositata il 30/07/2010 R.G.N. 19651/07; udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 24/06/2014 dal Consigliere Dott. ROBERTA VIVALDI; udito l'Avvocato CARLO SANTORO per delega; udito l'Avvocato CLAUDIO CERZA; udito l'Avvocato MARCO CIURCINA; udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. PIERFELICE PRATIS che ha concluso per il rigetto del ricorso.



Per un puntuale commento alla sentenza, si veda Il rimborso di Windows non voluto confermato dalla Cassazione di Carlo Piana.

La proprietà sulle idee: le slides dell'incontro di Aosta

Venerdì 24 ottobre alle ore 18:30 sono stato ospite del FabLab VdA di Aosta per un aperitivo culturale dal titolo "La proprietà sulle idee". Un titolo provocatorio che ci spinge a riflettere sulla vera natura di quella che generalmente chiamiamo proprietà intellettuale. In un mondo dove l'innovazione è la sfida assoluta, esiste davvero un modo di tutelare le idee e avere un controllo su di esse, oppure è solo un'illusione dovuta ad una interpretazione distorta dei modelli giuridici?
Ecco le slides da me utilizzate e alcune foto della serata (scattate da Cristina D'Arienzo).






 



martedì 28 ottobre 2014

Open data: quali diritti sui dati? Webinar per Regione Lombardia

Domani (mercoledì 29 ottobre 2014) dalle 12:00 alle 13:00 un terrò un webinar per il portale di e-learning della Regione Lombardia. E' il primo di un ciclo di tre appuntamenti in cui spiegherò i fondamenti giuridici del fenomeno open data.
In questo primo incontro (intitolato appunto "Open data: quali diritti sui dati?") inizieremo a porre le basi concettuali e terminologiche per la corretta comprensione del fenomeno open data e per il corretto inquadramento giuridico delle varie fattispecie in cui esso si realizza, cercando di mettere a fuoco se e in quali termini vi è una tutela sui dati.
Nello specifico chiarirò le differenze ontologiche e giuridiche tra i concetti di dato, informazione, database, documento; presenterò i principi della proprietà intellettuale sui dati in Europa (che cosa è effettivamente tutelato e in quali termini); farò alcune importanti precisazioni terminologiche in materia di tutela e gestione dei diritti sui dati.

Fonte principale dei contenuti del seminario sarà il libro “Il fenomeno open data. Indicazioni e norme per un mondo di dati aperti” (disponibile online su www.aliprandi.org/fenomeno-opendata).

La partecipazione al webinar è gratuita previa registrazione a questo link, seguendo poi le istruzioni per l’installazione dell’apposito software. La piattaforma utilizzata permetterà una reale e diretta interazione con tra partecipanti e docente. In questo documento pdf trovate anche una guida con alcune istruzioni esemplificative. Per facilitare la connessione l'aula virtuale sarà attivata circa 30 minuti prima dell'inizio dell'evento.

Il ciclo di webinar si rivolge prima di tutto ad amministratori e funzionari della PA lombarda (quali comuni, province, comunità montane ecc…), ma è aperto a tutti coloro che sono interessati ad accrescere le proprie conoscenze su vari temi legati al digitale. L’iniziativa si pone all’interno di ambiti d’azione dell’Agenda Digitale Lombarda riguardanti la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico e la diffusione di competenze digitali. I dettagli sui successivi appuntamenti verranno forniti prossimamente.

Vedi il portale open data della Regione Lombardia.

lunedì 27 ottobre 2014

Copyright e Creative Commons: il lavoro culturale nell'epoca della sua iper-riproducibilità tecnica. Il mio video intervento.

Sabato mattina, oltre ad essere presente fisicamente al Linux Day di Aosta, ho affidato la mia presenza virtuale a un video-intervento anche per un'altra interessante iniziativa che si è svolta in contemporanea a Napoli: la tavola rotonda "Copyright e Creative Commons. Il lavoro culturale nell'epoca della sua iper-riproducibilità tecnica", organizzata presso la Mostra d'Oltremare da Fondazione per la cittadinanza attiva, in collaborazione con l’Associazione culturale Per, e realizzato nell’ambito del Forum Universale delle Culture di Napoli e della Campania
Essendo il mio un video pre-registrato e non potendomi quindi agganciare direttamente a quanto detto dagli altri illustri relatori (tra cui ad esempio Philippe Aigrain e Brian Newman - vedi il programma completo), ho fatto una riflessione su come l'iper-riproducibilità delle opere creative (tema centrale della giornata) sta impattando sui meccanismi fondamentali del diritto d'autore.
Ecco il filmato integrale (circa 15 minuti).


fine