mercoledì 26 dicembre 2007

Il più bel regalo di Natale


E' la notte fra Natale e S.Stefano e mi trovo a inviare le ultime email di auguri, a spulciare un po' di siti lasciati in sospeso, a fare il bilancio dei regali ricevuti. Beh, anche in questo caso devo constatare la potenza della rete dato che il regalo più bello l'ho ricevuto da una persona che non conosco; o, quantomeno, non ho mai conosciuto direttamente, se non attraverso contatti on-line (forum, mailing-list, email). Il suo regalo è stato ordinarmi 18 copie del mio CD musicale con libro allegato uscito lo scorso luglio e che porta il titolo di "Appeso a un filo blu". L'acquirente "illuminato" ha dichiarato di volerle assolutamente prima di Natale per usarle come strenna natalizia. Con mio grande stupore ma anche soddisfazione ho preparato il pacco e ho spedito il tutto.
Mi chiedo davvero che faccia avranno fatto quei 18 malcapitati (o forse fortunati?) a ricevere tale regalo. "Aliprandi?!? E chi diavolo è Aliprandi!?! Che musica fa?!". E i più informati: "Ma Aliprandi mica faceva libri sul diritto d'autore?!?". ;-)
Penso poi al fatto che l'intera opera sia ormai da sei mesi liberamente scaricabile on-line, eppure a quanto in certi casi sia ancora d'impatto il possesso di un supporto materiale, con una confezione e tutto il suo corredo di souvenir. Probablmente quelle 18 persone difficilmente sarebbero state raggiunte da una mail con il link al sito; e, se anche lo fossero state, un messaggio promozionale via email non le avrebbe sicuramente persuase ad ascoltare l'opera quanto il possesso di un supporto con tutti i suoi fronzoli. E' così. Non è nè male nè bene. E' giusto che sia così. Abbiamo ancora bisogno dell'oggetto e non solo dei bit.
Quindi non posso far altro che ringraziare di cuore colui che ha avuto l'idea di questo strano regalo per aver dato 18 possibilità in più alla mia creatività di circolare e giungere a destinazione.
Un caro saluto e buone feste a tutti i lettori del blog.

martedì 18 dicembre 2007

La voce della frontiera digitale per la riforma del diritto d'autore

Solo un breve post di aggiornamento, che non aggiungerà nulla a quanto già è stato scritto in molte sedi, ma che mi consentirà di non "perdere il treno" su una materia così centrale per questo blog.
In sostanza, nei giorni scorsi si è concluso il dibattito nato in seno al network Frontiere Digitali e mirato a produrre un documento unitario da sottoporre all'attenzione della Commissione Gambino. Tre sono i membri della Commissione che si sono fatti portavoce del network Frontiere Digitali (Arturo Di Corinto, Lorenzo De Tomasi, Marco Scialdone). Gran parte del lavoro è stato fatto attraverso lo strumento della lista di discussione "digitalfreedomweek", i cui archivi sono disponibili online qui: consiglio vivamente di sfogliarli (soprattutto in merito agli ultimi tre mesi), visto l'elevata qualità e consistenza degli argomenti trattati. Altro strumento di stesura collaborativa è stato il wiki "open ddl" (cioè "disegno di legge open") accessibile qui.
Io ho cercato di apportare il mio piccolo contributo al dibattito e devo ammettere che seguire le evoluzioni della lista è stato per me un ottimo esercizio di aggiornamento e approfondimento scientifico. Ringrazio tutti coloro che hanno dedicato (e tutt'ora dedicano) tempo e passione a quest'opera di sensibilizzazione e informazione.
Quest'oggi (18dic07) è il giorno stabilito per la consegna dei documenti conclusivi della Commissione Gambino ai rappresentanti del Governo, che dovranno concretizzare la legge di riforma. Ora non resta che stare a vedere cosa succede.
NB: ciò non significa che il dibattito non rimanga ancora aperto (sia nella lista sia sul wiki) dato che di cose su cui riflettere ce ne sono molte e ce ne saranno sempre, visto il tipo di materia.