martedì 19 gennaio 2010

Contenuti aperti, beni comuni. Il libro del PAAL 2008.



Finalmente dopo mesi e mesi di gestazione (una gestazione un po' lunga, ma che ha incontrato problemi di varia natura che non è il caso di approfondire qui) ecco che è possibile scaricare online il libro "Contenuti aperti, beni comuni": opera per l'editore McGrawHill che pubblica i contributi del convegno PAAL 2008 tenutosi a Pula, fra cui anche un mio capitolo su "Copyleft e banche dati".
In quarta di copertina noto con piacere un'annotazione che recita: "Coerentemente con gli argomenti e lo scopo del libro, questo è edito con licenza Creative Commons per permettere la massima diffusione della conoscenza contenuta"; il libro è infatti rilasciato con licenza CC by-nc-sa.
Un'occasione in più per dimostrare che anche l'editoria -per così dire- "che conta" può sposare il modello delle licenze di libera distribuzione.
Trovate il PDF integrale del libro qui: www.copyleft-italia.it/contenutibeni.
Buona lettura e buona condivisione a tutti!