mercoledì 9 ottobre 2013

E' vero che non si paga più la SIAE per i concerti sotto le 200 persone?

Ho sentito che una nuova legge ha liberalizzato i concerti e spettacoli con pubblico fino a 200 persone. Che cosa è stato liberalizzato di preciso? Riguarda anche i diritti d'autore?

il libro in cui trovate questa e molte
altre risposte simili. maggiori
dettagli su www.aliprandi.org/pillole
RISPOSTA: Nonostante in rete siano girate varie versioni distorte della notizia, la legge in questione (il cosiddetto “Decreto Valore Cultura” convertito in legge il 3 ottobre) non ha affatto toccato l'aspetto del diritto d'autore. La liberalizzazione riguarda unicamente gli aspetti amministrativi e quindi agisce solo sulle licenze e autorizzazioni che normalmente devono essere richieste al Comune di competenza dall'organizzatore di uno spettacolo (licenza di pubblico spettacolo, occupazione suolo pubblico, agibilità strutture, etc.).
L'assetto delle pratiche SIAE non è stato oggetto del decreto nella sua versione definitiva, anche se – come abbiamo già segnalato su Rockit e approfondito altrove – in queste ultime settimane sono emersi seri dubbi sulla correttezza dal punto di vista giuridico del sistema di controllo tradizionalmente imposto da SIAE e basato sulla compilazione del cosiddetto borderò. Tale sistema, che prevede una compilazione sempre obbligatoria (almeno secondo l'interpretazione di SIAE), si fonda infatti su una norma risalente al 1942 che, ad un'attenta analisi, risulterebbe abrogata implicitamente dal 1997.
______________________

puntata n. 29 della rubrica "Chiedilo all'avvocato" per il sito Rockit.it. Vedi fonte originaria. Vedi tutte le altre puntate.
Questa e molte altre risposte sono raccolte nel libro "Pillole di diritto per creativi e musicisti. 100 e più risposte su copyright, licenze, marchi e Siae".
_____________________________________________________________________

http://www.copyright-italia.it/cons-servizi


 
 

Nessun commento: