lunedì 20 aprile 2015

La Boldrini, la Stele Mussolini e Barbra Streisand

La dichiarazione della Boldrini sulla cosiddetta "Stele Mussolini" al Foro Italico è un particolare caso di Effetto Barbra Streisand.
fonte: geolocation.ws
Se non sapete che cosa c'entri qui l'attrice/cantante americana, leggete brevemente qui.
L’effetto Streisand (in inglese Streisand effect) è un fenomeno mediatico per il quale un tentativo di censurare o rimuovere un’informazione ne provoca, contrariamente alle attese, l’ampia pubblicizzazione.Il nome Streisand effect si deve a un blogger e imprenditore statunitense, Mike Masnick, che prese spunto da una vicenda avvenuta in California: l’attrice e cantante Barbra Streisand, nel 2003, intentò un’azione legale nei confronti del sito web Pictopia, al fine di ottenere un risarcimento di 10 milioni di dollarie la rimozione dal citato sito di quelle immagini che, a giudizio della Streisand, mettevano in pericolo il suo diritto alla privacy in quanto raffiguravano la propria villa a Malibu.[...] Quale risultato, la notizia della denuncia di Barbra Streisand ebbe l’effetto di moltiplicare l’attenzione sulla fotografia incriminata della sua villa la quale passò da poche migliaia a più di 420000 visualizzazioni nel mese successivo alla notizia. [fonte: Wikipedia]
Insomma, diciamoci la verità: il monumento in questione non è certo tra i più famosi d'Italia. Non è presente sui libri di storia e non si organizzano gite studentesche per andare a visitarlo. E' lì da 60 anni tra i campi da tennis e lo stadio e a notare la scritta "Mussolini Dux" sono solo coloro che passano di lì e che focalizzano bene l'attenzione su uno dei quattro lati dell'obelisco.
Ora invece, grazie alla dichiarazione pubblica della Boldrini e al reverbero mediatico che essa ha avuto, tutti (o quantomeno molti) sanno che esiste un monumento di quel tipo... Tra questi ci sono anche i nostalgici, i quali fino ad oggi pensavano solo a Predappio e a Salò e adesso invece sanno che possono fare pellegrinaggi e raduni anche al Foro Italico.

Nessun commento: