venerdì 13 maggio 2016

Capocci su IlManifesto: l'inflessibilità del copyright e il monopolio SIAE

Andrea Capocci (ricercatore e attivista) ha realizzato per IlManifesto (edizione cartacea di sabato 7 maggio 2016, poi replicata anche sul sito web del giornale) un bell'articolo-inchiesta sulla questione della liberalizzazione della gestione del diritto d'autore, con titolo "L'inflessibilità del copyright". Ho avuto il piacere di essere tra le persone intervistate e citate nell'articolo.

Leggetelo integralmente qui (accesso gratuito dietro registrazione).
Riporto di seguito il paragrafo che mi riguarda:
[...] dal 1941 la Società italiana autori ed editori detiene per legge il monopolio sulla raccolta e sulla distribuzione delle royalties su musica, teatro, cinema, tv, letteratura. In pratica, significa che quando una canzone di un autore iscritto viene suonata dal vivo o trasmessa alla radio, solo la Siae può raccogliere i soldi dovuti e a rigirarli all’autore, e a controllare che nessuno evada il sistema. «Il monopolio legale esiste solo in Italia e Austria; da noi, per di più, c’è un’unica società di raccolta dei diritti per tutti i settori artistici», osserva Simone Aliprandi, avvocato e autore di Siae: funzionamento e malfunzionamenti (ed. Ledizioni). E ironizza: «Solo Equitalia dispone di una simile rete di esattori. Sarebbe meglio dividere i compiti, e affidare la riscossione dei diritti ad un’agenzia pubblica».
Altre persone che portano il loro punto di vista nell'articolo sono Arianna Tronco (esperta del settore e agente di diversi autore) e Adriano Bonforti (fondatore di Patamu.com).

Nessun commento: