giovedì 13 aprile 2017

Il nuovo bando MIUR sulla cittadinanza digitale: un'occasione imperdibile per parlare di openness

Nelle scorse settimane il Ministero Istruzione Università e Ricerca ha pubblicato il nuovo bando per lo sviluppo del pensiero computazionale, della creatività digitale e delle competenze di “cittadinanza digitale”, a supporto dell'offerta formativa.
Credo si tratti di un'occasione imperdibile per far sì che alcuni temi a me cari inizino seriamente a essere parte integrante dell'offerta formativa per gli insegnanti, i dirigenti e gli altri operatori della scuola pubblica.
Mi riferisco in particolare ai principi fondanti del diritto d'autore, specialmente nella loro applicazione al mondo della creatività digitale e multimediale; ma penso anche ai nuovi modelli di gestione del diritto d'autore come le licenze Creative Commons che permettono un riuso collaborativo dei contenuti didattici, facendoli diventare a pieno titolo Open Educational Resources; e infine – perché no – non tralascerei i temi del riuso virtuoso di software open source, degli standard aperti e dell'interoperabilità delle tecnologie.
Si legge infatti nel bando:
Per i percorsi di “pensiero computazionale e creatività digitale”, particolare attenzione deve essere riservata a: 
  • promuovere gli elementi fondamentali per l’introduzione alle basi della programmazione, anche allo scopo di sviluppare le competenze collegate all’informatica; 
  • sviluppo del pensiero computazionale per rafforzare la capacità di analisi e risoluzione dei problemi  e l’utilizzo dei suoi strumenti e metodi, sia attraverso tecnologie digitali sia attraverso attività  unplugged, per stimolare un’interazione creativa tra digitale e manuale, anche attraverso  esperienze di making, robotica educativa e internet delle cose.
 Per i percorsi di “cittadinanza digitale”, particolare attenzione deve essere riservata a:
  • consapevolezza delle norme sociali e giuridiche in termini di “Diritti della Rete”, educazione all’uso positivo e consapevole dei media e della Rete, anche per il contrasto all’utilizzo di linguaggi  violenti, alla diffusione del cyberbullismo, alle discriminazioni; 
  • educazione alla valutazione della qualità e della integrità delle informazioni, alla lettura, scrittura e  collaborazione in ambienti digitali, alla comprensione e uso dei dati e introduzione all’open  government, al monitoraggio civico e al data journalism; 
  • azioni per stimolare la creatività e la produzione digitale, l’educazione all’uso dei nuovi linguaggi  del digitale, ai nuovi modelli di lavoro e produzione, alle potenzialità dell’interazione tra fisico e digitale.
Per qualche spunto sugli argomenti da sviluppare legati appunto al mondo del diritto d'autore on line e delle licenze open in ambito didattico, rimando ai materiali da me realizzati per il corso “animatori digitali” tenuto all'Istituto Cairoli di Pavia nonché alle videolezioni da me registrate per il sito WikiScuola.it. Confido vivamente che le varie scuole e gli snodi formativi coinvolti nell'iniziativa abbiano la lungimiranza di strutturare le loro proposte di partecipazione al bando declinandole in questa direzione.
Ricordo infine che il bando prevede come scadenza il giorno 5 maggio (ore 15), che la trasmissione dei piani firmati dovrà avvenire poi entro il giorno 15 maggio e la conclusione dei corsi entro l'anno scolastico 2018/2019; la procedura è a carico dei dirigenti scolastici.
Un'utile sintesi schematica del bando e dei vari adempimenti è stata realizzata dal Prof. Antonio Leo ed è disponibile online qui.

1 commento:

Daniele Angeloni ha detto...

Cari amici del blog di Simone Aliprandi, vi scrivo per comunicarvi che Digiconsum, insieme a Docendum, offre collaborazione gratuita http://www.docendum.it/pon-cittadinanza-e-creativita-digitale/ a tutte le Scuole per la progettazione e l’invio telematico del PON Cittadinanza e creatività digitale (scadenza 5 Maggio)
Per accedere al nostro supporto, vi invitiamo a compilare un breve questionario: http://bit.ly/2mmLViH
Auguro una serena Pasqua a tutti voi!
Daniele Angeloni
Docendum
pon@docendum.it
06.40403704